Il Festival Social Cohesion Days 2020 si presenta alle istituzioni

Roma 21 febbraio: la quarta edizione del festival verrà presentata presso la Corte Costituzionale e il Parlamento.


I Social Cohesion Days, dopo la presentazione a Milano presso il Teatro dal Verme, con una Lectio Magistralis del Presidente Emerito della Corte Costituzionale Prof. Paolo Grossi, fanno tappa a Roma.


Il 21 Febbraio, a Roma il Comitato Promotore e Organizzativo presenteranno la quarta edizione del Festival, che si terrà dal 28 al 30 maggio 2020 a Reggio Emilia, con incontro presso la Corte Costituzionale. Tra i protagonisti dell’incontro ci saranno Raul Cavalli, Portavoce del Comitato Promotore e Francesco Vivacqua, Presidente di Cultura&Solidarietà.


Raul Cavalli, Presidente Fondazione EasyCare & Portavoce dei Social Cohesion Days 2020 - Francesco Vivacqua, Presidente Cultura&Solidarietà


Alle ore 11,00, introdotto da una breve conferenza stampa, si terrà un incontro a Montecitorio, su invito dell’Onorevole Giusy Versace e alla presenza di parlamentari e personalità delle istituzioni, sui temi della coesione sociale.


In Proposito, - spiega Raul Cavalli, Presidente di Fondazione Easy Care e portavoce dei Social Cohesion Days - “Dopo aver portato la coesione sociale nelle piazze, nelle università, negli uffici pubblici e privati è arrivato il momento di portare il nostro lavoro anche all’attenzione del dibattito politico, per sensibilizzare chi è chiamato a decidere in merito al futuro del nostro Paese”.


Il festival è nato dalla volontà di rimettere al centro del dibattito la coesione sociale, costruendo relazioni tra persone provenienti da settori e mondi diversi e accomunati dalla volontà di determinare promuovere un futuro più equo per la nostra società.


Il tema dei Social Cohesion Days di quest’anno sarà “La lezione dei figli. Generazioni che cambiano il mondo”. L’intento è quello di indagare il ruolo di giovani e giovanissimi all’interno dei grandi movimenti d’opinione, oggi come nel passato, richiamando a Reggio Emilia voci e volti tra i più significativi della scena nazionale ed internazionale, come è nella tradizione dei Social Cohesion Days. Il programma del festival prevede vari momenti, dedicati a pubblici diversi: appuntamenti istituzionali, workshop per addetti ai lavori ed eventi collaterali, oltre a momenti di spettacolo.



“La lezione dei figli”: Al centro i giovani


Le giovani generazioni hanno in questi anni preso progressivamente coscienza delle problematiche globali a cui l’umanità dovrà far fronte nel prossimo futuro. Dai cambiamenti climatici alla lotta alle disuguaglianze, dai fenomeni migratori ai diritti civili, i grandi movimenti di opinione, tanto a livello mondiale quanto a livello locale, sono sempre più spesso guidati da giovani e giovanissimi, che utilizzano gli strumenti digitali per informarsi, socializzare e manifestare le proprie opinioni, sia online che nella vita reale. L’edizione 2020 dei Social Cohesion Days nasce non solo per approfondire le singole battaglie portate avanti dalle nuove generazioni ma anche per inquadrare il fenomeno a livello generale, e ragionare su come i movimenti giovanili, di oggi e di ieri, abbiano giocato un ruolo centrale nell’immaginare, sostenere e realizzare una società più equa, giusta e sostenibile.


Che cosa sono i Social Cohesion Days?


I Social Cohesion Days nascono a Reggio Emilia per promuovere la diffusione ed il rafforzamento della coesione sociale in Italia. Il festival è nato nel 2014 e cresciuto grazie alla creazione di un network europeo di esperti, ricercatori, enti ed istituzioni chiamato ad agire e innovare le politiche e le azioni della coesione sociale. I Social Cohesion Days sono un progetto di Fondazione Easy Care, un’organizzazione non profit italiana, nata a Reggio Emilia nel 2008, con l’obiettivo di sviluppare lo studio e l’implementazione di nuovi modelli di welfare, creare opportunità di dialogo e ricerca, proteggere e promuovere i principi e i valori della solidarietà nel campo dell’educazione, della salute e dell’assistenza.